Nantes 2015

NANTES 23/26 Aprile 2015

Eccoci per la seconda volta a Nantes,deliziosa città della Bretagna situata sull’estuario della Loira, in occasione della 7° mostra patch “POUR L’AMOUR DU FIL”.
8 “ragazze” in fuga, Cecilia, Vania, Anna Maria, Milvia, Giuliana, Paola , Lorenza e Susanna partite all’alba da Udine per questa nuova avventura.
In città visitiamo il “Castello dei Duchi di Bretagna” del xv secolo con annesso il museo della storia di Nantes,la “Cattedrale di St:Pierre e St:Paul” stile gotico fiammeggiante, il “Giardino delle piante, stupendo parco dai mille fiori e mille colori, “Le Lieu Unique” uno spazio artistico installato nello storico biscottificio “LU”, “Le Machines de l’Ile” punto d’incontro tra la fantasia di Verne e l’ingegneria meccanica di Leonardo Da Vinci e qui come “bimbe” ci facciamo catturare, e vi saliamo sopra, sull’enorme elefante che misura 12 metri in altezza, 8 di larghezza e 21 in lunghezza per una “promenade”.
Non manca una visita al mercato coperto di Talensac, dove ad alcune di noi brillano gli occhi per la quantità di ostriche esposte scampi e crostacei vari, e poi formaggi, frutta, verdura, pane di tutti i tipi, macellerie fornitissime e spezie in quantità.
Lo scopo primario di questo tour però è la mostra mercato patchwork, ed eccoci davanti al bellissimo padiglione del quartiere fieristico con vista sulla Loira che la ospita, acquistato il ticket si entra,” Da dove iniziamo?” Dalla mostra: “New York beauties” collezione di antichi quilts appartenente a Bill Volckening, “Indigo” della giapponese Tomie Nagano sui toni del blu, le stiliste Irene Blank,Villyne Hammerstem, Kate England, l’americana Kimberly Rado fans di Disney che crea quilts per i bimbi e tante altre, ognuna con il proprio stile e colore.
Dopo un panino e una pausa ristoratrice il pomeriggio lo dedichiamo al mercato e qui…. ci siamo riempite gli occhi e soprattutto le borse. Era tutto un “Dove lo hai trovato? Wow che stoffa fantastica!!!!!
Alle 18 siamo uscite stanche ma felici .
Per ultimi, ma non per questo meno importanti,le crepes salate e dolci, la Tarte Tatin, ottima merenda pomeridiana, l’ottima birra,il vino Muscadet e il contapassi di Vania che controllava quanti km percorrevamo al giorno e se potevamo o meno concederci il dolce!!!!
Spero di non aver dimenticato nulla.
Grazie di tutto
Susanna